Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Esagramma 48- Il Pozzo.

 

miniature_03untitled (32)Sun,Vento –  sotto.

Kan, Acqua – sopra.

L’acqua sale verso l’alto, da qui  l’idea di un pozzo, una fonte che disseta ma solo se si ha la capacità di agire nel modo giusto. La fonte pur essendo sempre lì, talvolta, è elusiva, o contaminata, o celata.  Anche nella vita umana ci sono istituzioni immutabili che soddisfano i nostri bisogni più profondi. Esse restano attraverso tutti i cambiamenti e sta a noi cercare di arrivarci, adottando un comportamento corretto.

Sentenza Il pozzo. Si cambi pure città, ma non si può cambiare il pozzo. Non cala e non cresce. Essi vanno e vengono e attingono al pozzo. Se si è quasi raggiunta l’acqua del pozzo ma non si è ancora sul fondo con la corda, oppure se si rompe la brocca, ciò reca sciagura.

Anche se andiamo altrove, c’è qualcosa che ci accomuna agli altri e che si ritrova sempre,  una fonte inesauribile di nutrimento, affidabile e stabile. Ad essa tutti si avvicinano per bere traendone beneficio per operare in modo corretto. Ma a volte arrivare a bere l’acqua, che è sempre lì davanti a noi, può essere impossibile, a causa di fretta , disattenzione o incuria. Siamo  accomunati con gli altri da uno stesso scopo, una stessa idea essenziale, uno stesso ideale o principio. Per quanto possiamo apportare modifiche, questo principio – un vero e proprio nutrimento-  non può cambiare, perché è immutabile nel tempo. Si può cambiare strada, si cercano alternative, si va dietro a convenzioni e mode passeggere,  ma tutte si basano sull’essenza, che al fondo di tutto è sempre lì, per guidarci. Ma a volte si fallisce e non si riesce a connettersi con essa: accade quando  si agisce in modo superficiale e distratto e allora, dopo tante fatiche e sforzi, il risultato ci sfugge dalle mani oppure può svanire nel nulla di fatto.

Immagine Sopra il legno vi è l’acqua, l’immagine del pozzo. Così il nobile anima il popolo durante il lavoro e lo esorta all’aiuto reciproco. Sun, legno si trova nell’acqua. L’acqua sale  nel legno nutrendolo con la sua linfa. Così  nel mondo umano  beviamo ad un pozzo  ogni volta che abbiamo bisogno di dissetarci. Ma per far sì che questo nutrimento essenziale sia disponibile bisogna curare la sua manutenzione, accudirlo come qualcosa di prezioso per tutti.  Il nobile, che comprende quale è il principio insostituibile a cui ci si deve attenere,  incita  e sprona anche gli altri a seguirlo e collaborare  durante tutte le attività  che si devono svolgere, per così mantenere integro e pulito il collegamento con la fonte ispiratrice.

Linee

1Il fango del pozzo non viene bevuto. Gli animali non vanno a un pozzo vecchio. Si è proprio in basso, tra il fango.  Bisognerebbe pulire, rinnovare, scuotere via le ambiguità. Invece si lascia che tutto vada in degrado, incapaci di agire e allontanando gli altri. Muta in 5 Attesa

2- Nella brocca del pozzo si catturano i pesci. La brocca è spaccata e perde. Ci sono esperienze che potrebbero svilupparsi, idee buone,  ma non i mezzi per conseguirle. Solo piccole cose sono possibili.   Muta in 39 Impedimento

3- Il pozzo è ripulito, ma non se ne beve l’acqua. E’ questo che mi accora; perché vi si potrebbe attingere. Se il re fosse chiaro, si godrebbe insieme della felicità. Abbiamo fatto tutto il possibile per mettere ordine e rendere pulita l’impresa. Nonostante dedizione e pazienza, ciò che vi è di buono e fruttifero viene mistificato o frainteso, volutamente ignorato. E’ un peccato perché potrebbe rappresentare una fonte di felicità. Ma la cosa dipende dalla nostra controparte, ambigua e indecisa. Muta in 29 Abissale

4- L’interno del pozzo viene rivestito di pietra. Nessuna macchia. Mani operose lavorano nel pozzo, rinnovandolo con mura di solida e pulita pietra. Non vi è perciò in questo frattempo acqua all’interno, da cui bere.  Si opera per consolidare e rendere più stabile e positiva la fonte del nutrimento;  ma nel frattempo non si è in grado di utilizzare il pozzo e vi è un arresto delle altre attività.   Muta in 28 Preponderanza del grande

5- Nel pozzo vi è una sorgente limpida e fresca alla quale si può bere. Vi è un luogo dove possiamo sempre tornare, sicuri di trovare pace e ristoro. Serenità, condivisione e  chiarezza sono vicine; una buona idea da perseguire con fiducia. Muta in 46 Ascesa

6- Si attinge al pozzo senza impedimento. Esso è fidato. Sublime salute! Tutti possono dissetarsi al pozzo, buoni e cattivi.  Da qui nasce la fiducia in lui e il sublime successo. Fidiamoci di chi è  pronto ad accoglierci e darci manforte. Si può contare  su qualcuno che  è sincero e aperto, pronto a dare. Muta in 57 Vento

XLVIII Shing 48 Pozzo (Legge)

48.4>28 Preponderanza del Grande

48.4.5 >32 Durata

48.1.2.4>49 Rivoluzione

Lascia un commento