Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Tra il tutto ed il niente, da sempre, per sempre.

Il miele delle api invita dentro i fiori, la stella sul monte
è per noi.
La luce si irradia, si irradia nei colori, il lampo sul lago
è per noi.
Il suono si crea, il vento che si alza
il cigno e la capra per noi.
Gli spazi nel vuoto
il ciclo che si chiude
il legno e il mattino per noi.
Le forme sono echi e gli echi son ritorni
tra il tutto e il niente
per sempre, da sempre.
Da dove per dove
da quanto e per quanto
tra il tutto ed il niente
da sempre, per sempre.
I funghi e le bacche, l’argento dentro l’oro
il muschio e il trifoglio è per noi.
Ruscelli ed uccelli, la vita nei cristalli
il tuono ed il gufo
è per noi.
Le forme sono echi e gli echi son ritorni
tra il tutto ed il niente, da sempre per sempre.
Da dove per dove
da quanto e per quanto
tra il tutto ed il niente da sempre, per sempre.

Lascia un commento