Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Esagramma 28 – La Preponderanza del Grande

untitled (26)

Il vento, legno, sotto il lago, acqua. La persistenza e l’insistenza vengono sommerse dall’acqua, mobile e irrequieta. Si è generata una situazione di sovrabbondanza in cui troppo è stato accumulato e occorre alleggerire la tensione: il crollo è imminente, se non si abbandona ciò che  appesantisce. Al contrario del precedente 27 Nutrimento, in cui si è moderati nel dire e nel fare, qui vi è eccesso, da cui è consigliabile liberarsi attraverso azioni concrete.

Sentenza

La preponderanza del grande. La trave maestra si piega. Propizio è avere ove recarsi. Riuscita. La situazione è troppo carica e piena e sta per esplodere. Non se ne può più. Prendere provvedimenti in modo da salvaguardarsi reagendo è una misura straordinaria ma saggia. Si deve dunque abbandonare qualcuno o qualcosa che ci disturba e non è al nostro livello recettivo. Dopo aver compiuto questo passo straordinario, le cose si calmano.

Immagine

Il Lago oltrepassa gli alberi: l’immagine della preponderanza del grande. Così il nobile quando sta solo è libero da crucci e quando deve rinunciare al mondo è intrepido. Il momento è simile a quando un’inondazione  raggiunge le cime più alte degli alberi, così come quando si è sommersi in qualcosa  che ha preso troppo spazio. Il Trigramma Vento indica un albero solitario saldo al suolo e resistente, nonostante sia esposto ai venti e alle acque. Il Trigramma Lago indica la spensieratezza e la serenità che si acquisisce con la rinuncia. L’atteggiamento da tenere in questa situazione è di allontanarsi da qualcosa che è solo un problema anche se ciò ci farà sentire un po’ isolati.

Linee

1-  Poggiare su stuoia di canna bianca. Nessuna macchia. Riflessione ed estrema prudenza, come se si volesse poggiare un oggetto fragile  e delicato su un piano morbido. Muta in 43 Straripamento

2- Un pioppo secco getta germoglio di radice. Un uomo anziano prende una moglie giovane. Tutto è propizio. Qualcosa che si sta spegnendo vuole riprendere vita, rinnovandosi in senso positivo. Muta in 31 Stimolazione

3- La trave maestra si piega. Sciagura. Ci stiamo spingendo al di là delle nostre attuali possibilità e non c’è rispondenza da parte di chi può aiutarci a sostenere il peso della situazione. La nostra non è che ostinazione verso qualcosa di insostenibile.  Muta in 47 Oppressione

4- La trave maestra viene sostenuta. Salute. Se vi sono secondi fini è vergognoso. La situazione è difficile ma non c’è un pericolo immediato di un crollo. Quando però si perseguono scopi illeciti, cioè di bassa lega e minori, si va incontro all’ umiliazione. Non fatevi impietosire e mettete ordine nella vostra vita. Muta in 48 Pozzo

5- Un pioppo rinsecchito getta boccioli. Una donna anziana trova marito. Nessuna macchia nessuna lode.Una situazione che si è spenta rifiorisce. Si trova una certa concordia con qualcuno, ma di seconda mano, di cui accontentarsi.  Muta in 32 Durata

6- Bisogna attraversare l’acqua. Essa oltrepassa la testa. Sciagura. Nessuna macchia. L’impresa che si vuole compiere richiede un prezzo alto, che ci farà perdere più che guadagnare. Ma quando si è in una situazione di sovrabbondanza asfissiante si deve cercare in tutti i modi di uscirne. Anche così facendo le cose non si risolvono definitivamente. Muta in 44 Farsi incontro

 

 

Lascia un commento