Esagramma 45 – Raccolta

esagramma-45-raccolta Tui Lago sopra

Kun  Terra sotto

In una cavità del terreno  si è raccolta l’acqua. Tui è parole sincere, Kun è disporsi a  riceverle.  La quarta e quinta linea sono yang e sono in posti preminenti, per cui vi è successo; ma occorre fare attenzione, basta un nulla per finire nel ristagno, tra le difficoltà persistenti che impediscono il raccogliersi insieme.

Sentenza

Raccolta. Riuscita. Il re  si avvicina al suo tempio. Propizio è vedere il grande uomo. Ciò reca riuscita. Propizia è perseveranza. Offrire grandi sacrifici reca salute. Propizio è imprendere qualche cosa.

Raccolta si riferisce a un tempo in cui l’alto e il basso si uniscono, il re e i suoi ministri sono in accordo e l’armonia regna, espandendosi sul popolo. La verità e la saggezza fanno ingresso, come un re che si circonda dei suoi fedeli esecutori. Ma solo se c’è concordia  e fedeltà tra chi è giusto, sincero, veritiero e colui che fedelmente accoglie la sua guida c’è la riuscita.  Il grande uomo, dotato di saggezza e discernimento dà consiglio e aiuto, rendendoci capaci di compiere l’impresa, se lo si segue con  perseveranza e sincerità. La fedeltà a ciò che proviene dall’alto ed è di beneficio deve diventare un esercizio costante, un’abitudine; le buone intenzioni non bastano, bisogna metterle in pratica e non sarà senza sforzo e sacrificio che l’impresa continuerà.

A volte per riuscire in un’impresa bisogna comportarsi in modi precisi, che non sempre ci sono chiari e facili. Tener fede agli impegni presi solo a parole non basta, e le buone intenzioni, anche se accorate, non hanno frutto se non sono messe in pratica. Le persone si raccolgono insieme e sono felici quando non ci sono deviazioni, se vi è sincerità tra loro: quando si è sinceri tutto va bene, quando la sincerità è perduta le persone tendono a separarsi e allontanarsi. Questo rapporto di fedeltà reciproca deve essere mantenuta, deve diventare una abitudine, anche a costo di riceverne un piccolo svantaggio.   Non è facile essere sinceri con se stessi e abbandonare certi atteggiamenti un po’ ipocriti: si dice una cosa e se ne fa un’altra, ci si convince ad agire in un modo per poi invece ricominciare come prima comportandosi nel modo più facile e comodo. Se invece si torna sinceramente al primo stadio, alla limpidezza del primo momento di fiducia e di accordo e ci si attiene agli impegni presi, vi è successo.

Immagine Il Lago è al di sopra della Terra: l’immagine della raccolta. Così il nobile prepara le sue armi per fronteggiare gli imprevisti.

L’acqua  si è raccolta sulla terra e il lago ha imbevuto di vita ogni cosa. Ma non sempre la pacifica convivenza è possibile; quando la terra non è disposta ad accogliere l’acqua, o quando è l’acqua che manca, straripamento e siccità si presentano. Quando poi le persone si raccolgono insieme, sorge l’imprevisto che si creino ostilità e dissapori e ci si allontana. Allontanarsi e avvicinarsi dal vero e dall’unione avviene quando debolezza e insincerità si insinuano. L’ allontanamento e disaccordo tra le parti sono sempre in agguato e bisogna sempre aspettarseli, quindi non bisogna mai farsi trovare impreparati negli alti e bassi dell’impresa.

Linee di Mutazione

1- Se sei verace, ma non sino alla fine, ora vi è scompiglio, ora la raccolta. Se chiami, una mano amica porterà gioia. Non preoccuparti. Procedi.

La linea è fedele alle parole sagge dette dal grande uomo, ma a volte si lascia distrarre, inesperta all’inizio del cammino. Quando si comincia qualcosa è difficile essere coerenti fino in fondo, perciò si commettono errori e si hanno ripensamenti; ma la linea è yin e deve procedere verso il chiaro, l’amico alla quarta linea che la attende. Data la sua presenza, essa deve mettersi in marcia verso di lui, malgrado le incertezze e le preoccupazioni dell’impresa. Alla fine la sua perseveranza gli permetterà di unirsi e connettersi con l’altro, persona o situazione, a cui si tende.  Muta in 17, Il Seguire.

2-  Lasciarsi tirare reca salute e si rimane senza macchia. Se sei verace è bene compiere un sacrificio.

La linea è indecisa se andare avanti verso l’unione con l’amico al quinto posto, che la chiama sinceramente; proprio in virtù di questa sincerità è bene lasciarsi attirare, e non ci sarà rimpianto. Se si è veramente convinti di volersi riunire è bene  fare sacrifici. Chi è affine a qualcuno deve seguire la sua attrazione, anche se ciò comporta cedere qualcosa per ottenerlo. Muta in 47 Esaurimento.

3- Raccolta con sospiri. Nulla che sia propizio. Andare è senza macchia, piccola umiliazione.

Non ci si è ancora uniti al proprio simile e si tende sempre malinconicamente ad esso. Nulla di buono da intraprendere.  Non si può far altro che continuare a cercare di unirsi, senza ottenere molto più che   piccole umiliazioni.  Muta in 31- La Stimolazione

4- Grande salute! Nessuna macchia.

Il posto del ministro, che agisce sotto l’influenza del re, è quello di un sincero esecutore, che non cerca benefici personali, in quanto il suo agire è disinteressato. Nulla può venire di male  quando si è intermediari, scevri da fazioni egoistiche e desideri particolari.    Muta in 8- Solidarietà

5- Se nel raccogliere si possiede la posizione necessaria non c’è nessuna macchia; se alcuni tentennano vi è bisogno di sublime perseveranza. Pentimento svanisce.

La posizione in cui ci si trova è quella del sovrano. Essendoci altri coinvolti, bisogna anche tener conto che non tutti si raccolgono intorno al sovrano con fiducia.  Alcuni si raccolgono attorno a lui per la sua influenza e il suo prestigio, non perché sinceramente devoti. Il sovrano non ha altra  scelta che continuare a instillare in chi è in dubbio la propria influenza con parole sincere e veritiere, con grande dedizione nel tempo e sincerità. In questa situazione l’unione resta tale solo se almeno uno dei due mostra perseveranza e pazienza. Se lo  fa, allora non vi saranno cause di futuro rammarico.  Muta in 16- Il Fervore

6- Lamenti e sospiri, lacrime a fiumi. Nessuna macchia.

La linea yin è fuori dall’influenza yang e tende ad allontanarsi. Non può raccogliersi con le altre, tutte intorno al re. Sospiri e lamenti per la solitudine a cui va incontro.  Si resta da soli a rimpiangere l’unione e l’occasione mancata. Muta in 12- Ristagno.

XLV Zhui – 45 Raccolta (Legge)

 

I commenti sono chiusi.