Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Esagramma 25 – Innocenza

 

Cielo sopra, Tuono sotto.

Il Tuono, un’azione che inizia, diviene costante. Dare vita ad un’ azione costante conduce al cielo, conseguimento più alto.

SentenzaL’innocenza. Sublime riuscita. Propizia è perseveranza. Se qualcuno non è retto ha disgrazia e non è propizio imprendere qualche cosa.

Innocenza significa prodigarsi con tutto il cuore e con costanza verso qualcuno o qualcosa. Lo slancio sincero supera le difficoltà, allontana i dubbi che incatenano all’inazione e conquista la vetta e la vittoria. Davanti agli ostacoli bisogna resistere, fedeli allo scopo che ci si è prefissi.  Ma attenzione, perché se durante questa impresa ci si lascia sviare e allontanare dallo scopo e invece di insistere si rimanda e si tergiversa inattivi, ci si espone al pericolo di rendere vano ogni tentativo.

Immagine

Sotto il cielo passa il tuono: tutte le cose acquistano lo stato naturale dell’innocenza. Così gli antichi re curavano e nutrivano, ricchi di virtù e in armonia con il tempo, tutti gli esseri.

Il  Tuono nel Cielo innesca la vita e il movimento, limpido e pulito; anche gli antichi re, senza il minimo egoismo personale, rendevano il mondo un posto retto e giusto. Lo scopo è limpido, l’intenzione pulita, la volontà di fare costante. Solo così ogni cosa può manifestarsi nella sua forma più perfetta. Per esprimere al massimo grado le potenzialità della situazione occorre prodigarsi e dedicarsi appassionatamente allo scopo, senza mai perdersi d’animo, attendendo i momenti giusti e le opportunità di miglioramento.

Linee

1- Condotta innocente reca salute!

La linea è forte e personifica le massime qualità della sincerità; c’è uno slancio del cuore che resiste agli ostacoli, ai momenti di debolezza che cercano di frenare l’impresa.  Chi continua a mantenersi saldo anche davanti alle difficoltà avrà beneficio.  Muta in 12 Ristagno

2 – Se arando non si pensa al raccolto e dissodando all’uso del campo, allora è propizio imprendere qualche cosa.

Arare la terra, smuoverla senza fertilizzarla, cominciare però a superare l’inerzia. Il raccolto è lontano e il tempo di ottenere risultati deve ancora venire. Ma ciò non deve preoccupare. Bisogna invece prepararsi ad  operare secondo i principi cardini dell’impresa a cui ci si vuole dedicare, agendo secondo le sue regole, cercando di applicarle a ciò che stiamo compiendo. Se si è disposti a seguire queste direttive e ci si dedica ad esse con tutto il cuore, solo allora si può cominciare l’opera.   Muta in 10 Procedere

3Disgrazia immeritata: la mucca legata da qualcuno allo steccato è il guadagno del viandante, la perdita del proprietario.

Perdita e guadagno: la linea è sola, docile e armata di buone intenzioni. La sua sincerità è riposta  nel luogo sbagliato e richiama l’intervento di gente di passaggio che ne approfitta.  Se  si espone alla mercè di tutti è ovvio che debba accadere qualcosa, ma non è colpa sua, è la posizione, il luogo in cui si trova ad essere pericoloso. Le buone intenzioni, l’estrema docilità e condiscendenza non sono consone al tempo e al luogo; a causa della nostra ingenuità e fiducia, infatti, qualcuno di passaggio ne trae un vantaggio a nostro danno. Muta in 13 Associazione

4- Chi è in grado di essere perseverante rimane senza macchia.

Tante sono le difficoltà che impediscono l’impresa. Ma se, nonostante dubbi e ostacoli non ci si arrende e non si cambia strada, restando costanti, fedeli e sinceri, allora si resta nel giusto e  non si provocano ripercussioni dannose.   Muta in 42 Accrescimento

5- In caso di malattia senza colpa non adoperare farmaci. Passerà da sé.

Una situazione che sembra pessima e a cui si vuole porre rimedio non si risolve con il nostro intervento. Se si trattano le difficoltà tollerandole senza agire, esse si risolveranno da sole. Muta in 21 Morso che spezza

6- Agire innocente reca disgrazia. Nulla è propizio.

Non è più tempo di insistere per proseguire nell’impresa, dimostrando trasporto verso altri disinteressati. E’ bene fermarsi e salvaguardare solo se stessi. Niente da raccogliere e fare.    Muta in 17 Seguire

Comments are closed.