Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Tutte le canzoni vengono all’uomo quando è solo nella grande solitudine – Inuit

Tutte le canzoni vengono all’uomo quando è solo nella grande solitudine.

Vengono a lui sulla scia del pianto, pianto che scaturisce dai recessi profondi del cuore

o vengono a lui improvvisamente accompagnate da gioia e da risate

che sgorgano all’interno noi- non sappiamo come, mentre riflettiamo sulla vita

e ci guardiamo intorno sulle meraviglie del mondo che ci circonda.

Poi, senza la nostra volontà, a nostra insaputa, le parole arrivano da noi in brani che non appartengono alla lingua quotidiana.

Vengono a noi con ogni nostro respiro e diventano proprietà di coloro che hanno l’abilità di tesserle  per gli altri …

Tutto il mio essere è canzone.

Mentre  canto, io respiro.

(da  Paul Radin, “The Literature of Primitive Peoples”, Diogenes Press)

Lascia un commento