Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Esagramma 20 – La Contemplazione (Guardare da lontano)

Il Vento sta sopra la Terra. Il vento penetra dovunque, e vede ciò che accade sulla terra sottostante. Le linee hexagram 20 - the watchtoweryin salgono di nuovo sospingendo il principio chiaro in alto, e lo guardano, mentre le due yang nel posto di preminenza, osservano quelle in basso. La struttura ricorda le torri di guardia, da cui si sorvegliavano i dintorni e su cui si era visti. Guardare ed essere guardati è dunque il senso dell’esagramma. I deboli guardano i forti con fiducia, sperando di essere  beneficiati con consigli e istruzioni, mentre le linee yang le osservano per decidere il da farsi. Il segno intrinseco Monte, Immobilità, simboleggia le mani e anche un palazzo, da cui l’idea delle mani pulite e di un palazzo dalle porte chiuse.  La situazione complessiva è di qualcuno che guarda verso gli altri, più forti, e aspetta un beneficio. Il forte vuole corrispondere e si appresta a farlo ma non completamente, in quanto vi è un blocco che lo impedisce. Si aspettano risposte e buone nuove che stanno per arrivare,  anche se non saranno quelle conclusive.

Sentenza

La contemplazione. L’abluzione è avvenuta, ma l’offerta non ancora. Fiduciosi innalzano lo sguardo a lui. Si guarda verso qualcuno, che a sua volta ci guarda. Si stabilisce un contatto che purifica ciò che era guasto e rinnova l’interesse reciproco.  E’ il momento in cui quello che si è fatto ha prodotto un risultato, manca però la conclusione e il compimento dell’impresa. Questa è solo una prima parte e altro non viene ancora offerto. Si spera con fiducia che questa offerta arrivi, così come le linee yin rivolgendo lo sguardo al principio yang, in alto, sono fiduciose. Una prima parte dell’impresa si compie, ma  anche se manca il coronamento, si pone rimedio a un errore.

L’Immagine  Il vento soffia sulla terra: l’immagine della contemplazione. Allo stesso modo gli antichi re visitavano le varie regioni, guardavano  il popolo e dispensavano istruzioni. Il vento che penetra dappertutto arriva sulla terra e la svela. Il vento è paragonato agli antichi re che viaggiavano su tutto il loro territorio, vedevano le condizioni dei più deboli e poi davano ordini e provvedimenti per migliorare le loro condizioni. Nella vita di tutti i giorni un personaggio importante si mette in contatto con noi portando buone notizie.

Linee di Mutazione:

1- Contemplazione puerile. Per un uomo meschino nessuna macchia. Per un nobile vergogna. La linea simboleggia un ragazzino inesperto che si aggira inconcludente e si comporta in modo inadatto per ottenere ciò che desidera. Egli non ha i mezzi e le capacità per poter avanzare, ma l’altro che invece potrebbe agire ugualmente non prende iniziative, comportandosi in modo vergognoso.   Muta in 42 Accrescimento.

2- Contemplazione attraverso lo spiraglio di una porta. Propizia è la perseveranza di una donna. Un legame ostacolato, e che si intravede solo da lontano. Bisogna avere pazienza e qualcosa accadrà con il tempo. Muta in 59 Dispersione

3- La contemplazione della mia vita decide tra progresso e regresso. E’ il posto di transizione, in cui andando avanti ci sono difficoltà e tornando indietro ci si allontana dal traguardo. La situazione è incerta in entrambi i casi. Muta in 53- Progresso graduale

4-Contemplazione della luce dell’impero. Propizio operare come ospite di un re. Si è finalmente più vicini alle linee forti, e c’è contatto con chi si desidera avvicinare. Muta in 12 Ristagno

5 – Contemplazione della mia vita. Il nobile è senza macchia. Si è in una situazione in cui ciò che si è fatto viene visto e soppesato, per valutarne il senso e gli effetti. Muta in 23 Sgretolamento

6- Contemplazione della sua vita. Il nobile è senza macchia. Isolata dalle linee yin, la forte linea yang non può contemplarle, quindi non gli resta che contemplare se stesso. E’ una situazione in cui anche se si volesse fare qualcosa ci sono troppe difficoltà. Vi è comunque desiderio  di uno sviluppo. Muta in 8- Solidarietà

 

Comments are closed.