Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Esagramma 5 – Attendere

H 5 - Aspettando il sollievoSopra KAN, l’Acqua- Sotto CHIEN, il Cielo.

Acqua al di  sopra del cielo, in una promessa di pioggia ancora lontana a venire. I segni interni Tui Lago, e Li il Fuoco alludono a serenità e chiarezza, ma in alto c’è Kan, il pericolo, che preme sul Cielo, la forza. La pioggia vivificante non arriva, nel frattempo si aspetta, con la certezza che, prima o poi, questo evento dovrà naturalmente accadere.

Sentenza Se sei verace hai luce e riuscita. Perseveranza reca salute. Propizio è attraversare la grande acqua. Quando ci si trova davanti a un pericolo si deve essere sinceramente determinati a sconfiggerlo e intimamente convinti della sua dannosità; la veracità consiste nel restare fermi nel proprio proposito, trovando dentro se stessi la calma e la serenità  per affrontare  il pericolo incipiente.  In questo modo si possono  compiere anche imprese difficili e impegnative con successo.

Immagine Nubi salgono nel cielo: l’immagine dell’attesa. Così il nobile mangia e beve ed è lieto e di buon umore. Le nubi si raccolgono in cielo, e la pioggia è ancora lontana, e con essa la liberazione dalle tensioni accumulate. Intanto si aspetta serenamente, perché la caduta della pioggia è inevitabile. E’ una pioggia liberatrice e rigenerante, quella che verrà. Ma il nobile non deve intervenire, non dipende dai suoi propositi, se ciò accadrà. Egli può solo attendere e  godere della sua vita, nella cordialità dei suoi affari quotidiani, contento della sua situazione, che cambierà a tempo debito per cause indipendenti da lui.

Le linee descrivono i modi in cui si attende davanti al pericolo.

Linee

1- Attendere fuori le mura. Propizio è rimanere nel durevole. Nessuna macchia.  Si aspetta in disparte, senza mescolarsi con gli altri e farsi coinvolgere; in questo modo si è sicuri di stare lontani dal pericolo. E’ bene restare con le cose sicure e badare ai propri affari soltanto. Muta in 48 Pozzo

2- Attendere sulla sabbia. Avviene qualche battibecco. Alla fine salute. La linea è entrata in Tui, il Lago e dunque attende in un luogo lungo il fiume, dove c’è sabbia. Le acque sono già avvisaglie del pericolo a cui ci si sta avvicinando ed infatti avvengono piccoli diverbi, pettegolezzi che però sono presto superati.   Muta in 63 Dopo il compimento

3- Attendere nella melma provoca la venuta del nemico. Si attende nel fango, poiché si è in diretto contatto con l’acqua, il pericolo. E’ l’orlo dell’abisso e della confusione. Persistere in questa situazione invita ulteriori difficoltà. Muta in 60 Limiti

4- Attendere nel sangue. Fuori da questa buca! Il pericolo è arrivato e senza ripensamenti occorre uscirne.  La misura è colma, si attui tutto il possibile per allontanarsi.  Muta in 43 Straripamento

5- Attendere bevendo e mangiando. Perseveranza reca salute. Questa linea riprende la direzione espressa nella Sentenza: si attende tranquillamente badando al proprio nutrimento, ai propri affari. Bisogna continuare così. Muta in 11 Pace

6- Si finisce nella buca. Ecco che arrivano tre ospiti non invitati. Onorali, e alla fine viene salute. Si è dentro al  pericolo, KAN, e ogni rimedio per uscirne da soli  è vano. E’ solo con l’intervento di altri che si avvicinano che si può sfuggire. Anche se non siamo stati noi a cercarli essi devono essere accolti come un aiuto per uscire dalla brutta situazione.  Un inaspettata via d’uscita viene a contrastare il pericolo; si acconsente a seguire la nuova direzione. Muta in 9 La forza domatrice del piccolo

Comments are closed.