Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Sole Nero – Lorenzo Ostuni.

E’ l’autunno delle Certezze e dei loro preti. I patriarchi dell’Esattezza e i cortigiani dell’Eternità se ne vanno: sono sinistramente monocoli, pericolosamente guerci. Hanno creduto e ci hanno fatto credere di essere giganti; ma appena abbiamo voluto determinare l’altezza del sole essi si sono rivelati per ciò che sono: ombre allungate di nani. Qui nasce la tua capovolta verità, qui trova ruolo il tuo Sole Nero. Lascia pure che esso, col suo ghiaccio ardente, ti marchi l’anima. Nell’evo antico ‘illuminazione’ significava vedere figure luminose e sviluppare, per superiore grazia e per interiore ascesi, la Radiosità Intrinseca. Nel mondo moderno significa rendere conscia l’oscurità, l’ombra.

Rendere conscia l’ombra può essere paragonabile a realizzare la Radiosità Intrinseca?  I nuovi pretini della psiche sono forse all’altezza degli antichi pretoni dello Spirito? Certo, un pretone induce più soggezione di un pretino, in ogni caso è salutare sfuggire a entrambi. L’ ‘ino’ ti vuole insegnare la coscienza, l’ ‘one’ ti vuole insegnare la luce: ma si può essere tanto prepotenti impunemente, tanto presuntuosi per partito preso?

Lorenzo Ostuni, 99 Chimere – Ed. Tecniche Nuove

 

Lascia un commento