Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Latest

Esagramma 56 che muta nel 64 – Con la fine un inizio.

L’esagramma 56, il Viandante è costituito dai due segni: Monte, che sta sotto, e il Fuoco che gli divampa sopra. Il monte è immobile mentre  il fuoco si disperde: gli elementi hanno diverse nature e non rimangono insieme.
Terre straniere e separazione sono la sorte del viandante, dice Wilhelm.
Quando ci sono dissidi dovuti ad incompatibilità di vario tipo  andarsene e chiudere la porta, senza tergiversare, è ciò che si deve fare.

Il nobile è chiaro e cauto nell’applicare le punizioni e non tira per le lunghe i litigi. E’ una situazione in cui viene amministrata una punizione dovuta e giusta e non bisogna pentirsene o esserne timorosi: si può agire contro  le  propensioni sbagliate e castelli di carta  che ci hanno condotto dove siamo.  Pian piano si  comprende qual è la cosa giusta, e poi la si mette in pratica, senza ripensamenti.
Piccole soddisfazioni.

Linea 2-

Il viandante giunge alla locanda.

Ha il suo possesso con sé.

Egli ottiene la perseveranza di un giovane servitore.

Si è giunti in un luogo sicuro e stabile: una comoda situazione di equilibrio, in cui si resta volentieri.  Pur nella solitudine, c’è qualcuno o qualcosa che ci è vicino e ci è utile. Il Viandante è solo ma si adagia in una situazione abbastanza piacevole che potrebbe durare.
Linea 3-

Al viandante brucia la locanda.

Egli perde la perseveranza  del suo giovane servitore. Pericolo.

La bella e piacevole situazione di sicurezza e agiatezza va in fumo. La situazione precipita e vi è un distacco. Qualcosa che è durato per lungo tempo viene perduto. Il pericolo risiede nella solitudine conseguente alla perdita che si affronta. Ma il Viandante persevera e non si guarda indietro. Lascia andare, chiaro e cauto, compie azioni giuste e non ci piange sopra.

La situazione si muove verso l’Esagramma 64, Prima del Compimento: l’Abisso è sotto e il Fuoco sopra, e la separazione dal passato è definitiva. Segue un periodo di assestamento prima di definire nuove vie. Ora le strade si aprono in nuove direzioni, che presto si sarà chiamati a scegliere. Attenzione a non bagnarsi la coda, tornando a vecchie storie che è bene lasciarsi alle spalle. Il pericolo di un ritorno al passato è tangibile; cadendo in questa debolezza nulla è propizio.

Il Viandante è uno che cerca e in cuor suo vuole arrivare all'arcobaleno. Le esperienze belle o brutte sono incontri sulla strada e non rimarrano stabili. Ora si guardi avanti e si distingua il vecchio dal nuovo, riponendo nel passato ciò che non serve più.

Il Viandante è uno che cerca e in cuor suo vuole arrivare all’arcobaleno. Le esperienze belle o brutte sono incontri sulla strada e non rimarrano stabili.
Ora si guardi avanti e si distingua il vecchio dal nuovo, riponendo nel passato ciò che non serve più.

Guarigione

Quando la guarigione ti chiama seguila, anche se la strada è aspra e scoscesa. Quando ti invita a svernare sotto il suo mantello, accetta di buon grado: vacci non fingendo di indossare un pigiama remissivo, mentre in realtà sei avvolto da una maglia di ferro; vacci pulito e fiducioso, pronto alla crescita come alla potatura.

Quando la guarigione ti chiama, seguila: la tua fatica investigativa per rifiutarla non avrebbe altro senso che il desiderio di morire. La guarigione finalmente sta per chiamarti. Essa vuole sottrarti a quella morsa di infelicità che si è stretta intorno alla tua anima. A volte, il Destino dissemina la vita di ostacoli e poi ti gambizza per impedirti di superarli, consegnandoti nudo a una forma di implosione autodistruttiva. Ma proprio quando il dolore e il male sembrano, con atroce ottusità, dilatarsi inesauribilmente, la guarigione chiama, chiama e ancora chiama, affacciandosi alla porta dell’anima. L’ultimo delitto sarebbe non risponderle, non seguirla.

La necropoli diviene madre di un nuovo giorno.

Lorenzo Ostuni, 99 Chimere – Ed. Tecniche Nuove 

L’anima è eterna, la rinuncia non è una catastrofe – Yosuke Iida

Un suggerimento per chi si trova in una situazione di estrema difficoltà.

Prima di tutto correggiti fino in fondo secondo l’amore che senti nel cuore perfettamente sincero, senza giustificazione. Cerca di non creare situazioni o anche rapporti umani che possano diventare la causa degli attacchi. Per questo occorre abbandonare i desideri personali anche se sono belli, l’amore è fatto di infinita pazienza. La rabbia serve solo a peggiorare la situazione. L’anima è eterna, la rinuncia momentanea non è una catastrofe. Coltiva amore in silenzio, rivolgiti alla luce, solo alla luce. È ora di pazientare, fa parte del percorso dell’anima. Rivolgiti solo alla luce in silenzio. È sbagliato reagire con l’impulsività. Rileggi questo testo quando ne hai bisogno. Queste parole sono belle, ma solo quando le metti in pratica prendono finalmente vita. Se abbandoni le aspettative non cadi nelle provocazioni, ma porti sempre la speranza.

66_foto_Volare.jpg

48,1.3.5 >19

Lettura per Alessandro

Il legame con questa persona, anche se è una profonda amicizia e non amore o passione, è un punto fermo che non cambierà. Cercare di trasformarlo in altro causa che ‘la corda si spezzi’, quindi allontanamento definitivo. Yi consiglia di restare fedele al tuo ruolo di amico, anche se ciò ti costa fatica e delusione (1,3) e di coltivare questa amicizia come qualcosa di comunque speciale(5). In seguito vi sarà avvicinamento significativo, ma non ancora la corrispondenza affettiva nel senso che tu cerchi.

E.

60, 3.4 >43

Lettura per Francesca

La situazione tra te e il tuo compagno è limitata sia da cause esterne sia da una tua confusione di fondo. Yi consiglia di fare chiarezza su ciò che vuoi ottenere, e non sottostare a compromessi che conducono a future situazioni negative (linea 3). Riuscire a sgombrare il campo da situazioni ambigue come quella da te descritta riguardo il tuo compagno che va e viene, aiuta a riportare ordine e stabilità (linea 4). Occorre portare alla luce ed esprimere apertamente tutti i tuoi dubbi  sulla vostra relazione e prenderne le distanze (43).

Secondo lancio, 50,1.3>38

Ci sarebbero potuti essere sviluppi positivi con quest’ altra persona ma la presenza di vincoli con altri non lo hanno reso possibile (1). La situazione non può progredire, fino a che non è ripristinata la chiarezza e si è fatta pulizia (3). Per adesso c’ è allontanamento e distacco e possono verificarsi solo piccole cose, niente di più (43).