Cercando il senso, cielo e terra si dividono.

Posts tagged “la contemplazione

Esagramma 20 – Contemplazione

Vento sopra,  Terra sotto.

Il vento soffia dovunque e contempla ciò che accade sulla terra sottostante. Le linee hexagram 20 - the watchtoweryin sostengono il principio chiaro in alto contemplandolo, mentre le due yang  contemplano quelle in basso. La struttura ricorda le torri di guardia, da cui si sorvegliavano i dintorni e su cui si era visti. Guardare ed essere guardati è dunque il senso dell’esagramma. I deboli guardano i forti con fiducia, sperando di essere  beneficiati con consigli e istruzioni, mentre i forti le osservano per indicare loro il da farsi.  La situazione complessiva è di qualcuno che guarda verso gli altri, più forti, e aspetta un beneficio.  Si aspettano risposte e buone nuove che stanno per arrivare da qualcuno dall’alto.

Sentenza

La contemplazione. L’abluzione è avvenuta, ma l’offerta non ancora. Fiduciosi innalzano lo sguardo a lui.    Si descrive il primo stadio di un rito sacrificale, quello dell’abluzione e del lavaggio delle mani, senza il quale  ogni offerta agli dei  è vana.  Per purificarsi ci si immerge in una contemplazione profonda,  guardando dentro se stessi  per collegarsi con ciò che è giusto fare. Osservare se stessi però non basta per avere il quadro completo della situazione. Altri sono coinvolti, qualcuno che potrebbe aprirci gli occhi e aiutarci a definire la natura delle cose: forse non sono come pensiamo noi, nel nostro egoistico punto di vista. C’è qualcun altro che può aiutarci nell’impresa di comprensione e a lui si guarda con fiducia.

L’Immagine  Il vento soffia sulla terra: l’immagine della contemplazione. Allo stesso modo gli antichi re visitavano le varie regioni, guardavano  il popolo e dispensavano istruzioni. Il vento si muove sulla terra, e la guarda dall’alto. Il vento è paragonato agli antichi re che viaggiavano sul territorio e solo osservando le condizioni dei più deboli   potevano impartire ordini e prendere provvedimenti per migliorarle. Abbiamo bisogno di guardare meglio, noi stessi e gli altri, per capire pienamente la situazione e così prendere le giuste decisioni.

Linee di Mutazione:

1- Contemplazione puerile. Per un uomo meschino nessuna macchia. Per un nobile vergogna. La linea simboleggia un ragazzino inesperto che si aggira inconcludente e si comporta in modo inadatto per ottenere ciò che desidera. Un uomo di bassa lega  e ordinario non può fare altro che agire così,  con superficialità,  perché non ha i mezzi e le capacità per poter contemplare  da un punto di vista più profondo; il nobile, che invece i mezzi e le capacità li ha, si comporta in modo vergognoso se agisce così.   Muta in 42 Accrescimento.

2- Contemplazione attraverso lo spiraglio di una porta. Propizia è la perseveranza di una donna. La linea è debole, e dalla sua reclusione contempla il compagno al quinto posto, come sbirciando da una porta. Per una donna è bene e appropriato continuare in questo modo.    Muta in 59 Dispersione

3- La contemplazione della mia vita decide tra progresso e regresso. Linea debole, di passaggio tra chi contempla, in basso,  e chi è contemplato, in alto. La linea è ancora lontana dal capire che cosa accade fuori, all’esterno, dove c’è la risposta; non le resta che volgere la contemplazione su se stessa, passando al vaglio della coscienza i risultati conseguiti attraverso il proprio agire. Progredire o regredire dipendono dall’osservazione e da una presa di coscienza di ciò che si è fatto nella vita. Muta in 53- Progresso graduale

4-Contemplazione della luce dell’impero. Propizio operare come ospite di un re. La linea è in contatto visivo con il grande re al quinto posto e ne contempla la luce. In prossimità del sovrano è propizio agire come un ospite, mantenendosi modesti e dignitosi e sempre confidando in lui.  Muta in 12 Ristagno

5 – Contemplazione della mia vita. Il nobile è senza macchia. Ecco il posto di comando, in cui il nobile deve contemplare la sua vita- non per soppesare ciò che si è fatto o non fatto in date situazioni,- ma come abitudine di vita e regolare comportamento di autodisciplina. Un uomo che si comporta così non commette errori.  Muta in 23 Sgretolamento

6- Contemplazione della sua vita. Il nobile è senza macchia. Isolata dalle linee yin, la forte linea yang non può contemplarle, quindi   contempla se stessa. E’ fuori dalle lotte del mondo, l’osservazione  e la fiducia sono volti verso se stesso e alla sua via. Il nobile che si comporta così non compie errori. Muta in 8- Solidarietà

20 Kwan Contemplazione (Legge)